Roma, Firenze, Bari, Bologna, Milano e Torino (sede della finale) sono le sei città italiane in cui si giocheranno le partite della prossima edizione del Campionato del Mondo di volley maschile. Organizzato congiuntamente da Italia e Bulgaria, l’attesissimo torneo – presentato a Roma – si svolgerà dal 10 al 30 settembre 2018, inizierà nella Capitale e – dopo aver coinvolto anche le città bulgare di Sofia, Varna e Ruse – si concluderà a Torino.
Proprio Torino è la città di Gianlorenzo Blengini: scherzando ma non troppo, il c.t. della nazionale azzurra ha detto “In una competizione internazionale di solito non si dice mai speriamo di andare a casa, ma in questo caso invece possiamo proprio dirlo”. Come dire che, dopo il deludente Europeo, l’Italia dovrà sfruttare al massimo il fattore campo.
Molto articolato il programma dell’evento, che sarà diviso in quattro fasi.
Al termine di un lungo round robin, con i 60 match della prima fase le 24 squadre (divise in 4 gruppi da 6) saranno ridotte a 16. Queste saranno divise in altri 4 gironi da 4: le vincitrici di ciascun gruppo accederanno alla terza fase insieme alle due migliori seconde.
Le magnifiche 6, con un sorteggio, saranno divise in due gruppi da 3: le migliori due di ogni girone accederanno alla quarta e ultima fase, con le semifinali incrociate e le finali per il bronzo e per l’oro.