24 anni e non sentirli, una testa da militare e una voglia da rivoluzionaria. La nuova stella dell’Ironman – vincitrice nella sua categoria al mondiale di triathlon a Kona, alle Hawaii – ora è pronta a laurearsi in medicina.

Un partenza a sorpresa

Non l’avrebbe detto nemmeno lei 3 anni fa, quando è partito tutto per caso durante una serata fra amici. La voglia di fare qualcosa di estremo, che spingesse al limite le proprie capacità, le ha cambiato la vita. Il fidanzato alla fine non ha partecipato alla gara tanto agognata, ma su di lei la passione ha avuto il sopravvento: ha iniziato subito con una “mezza Ironman” e da lì è stato amore.

Campionessa in tutto

La passione di Federica De Nicola non ha mai avuto particolare simpatia per i limiti: vuol essere competitiva al massimo in ogni cosa. Prima in ogni gara, dagli anni delle traduzioni di latino e greco al liceo fino alle Hawaii, nulla la può fermare. Inizia la sua mattina alle 5.30 e, fra allenamenti e studio, finisce alle 22. Stanca ma felice, come dopo il trionfo di Kona.

Proprio l’ironman appena vinto, in effetti, segna il coronamento di un obiettivo ma è anche la molla per raggiungere un altro sogno: diventare medico. Sogna di poter aiutare gli altri, di massimizzare le loro prestazioni: per renderli, almeno un po’, vicino a lei. Dice che la sua arma e segreta è la testa, quadrata come quella di un militare. Non possiamo darle torto e, con questo nostro piccolo omaggio, le facciamo l’in bocca al lupo, verso nuove conquiste.

federica de nicola