La Regular Season è giunta al termine. Oltre 5 mesi di partite, ogni notte, da Portland a New York, passando per Denver e Chicago. Da stasera le sedici squadre rimanenti si affronteranno a viso aperto, tutti vogliono essere i protagonisti, tutti vogliono alzare il Larry O’Brien Trophy.

Est

Ben Simmons e Richaun Holmes

Nella Eastern Conference sembrano esserci tutti gli ingredienti per assistere a qualche gustosa sorpresa. Cleveland e Boston, dopo i fuochi d’artificio estivi culminati con lo scambio dei play: Irving-Thomas, hanno limitato i danni in una stagione impervia. Cleveland, più volte, ha sofferto la poca attitudine difensiva del suo roster, soccombendo sotto i numerosi canestri avversari. Dall’altra parte l’infermeria piena dei Celtics, dovrà fare a meno di Hayward, Irving, Theis e Marcus Smart. Questo ci porta ai Raptors, primi classificati e alla premiata ditta Lowry-DeRozan, la storia dice che Toronto si scioglie come il ghiaccio al sole nei playoff, vedremo se quest’anno riusciranno ad invertire la tendenza. Philadelphia, invece, arriva sulle ali dell’entusiasmo, 16 vittorie consecutive e la sola assenza, nelle prime uscite, di Joel Embiid. Fultz ha risolto i problemi alla spalla ed è pronto a mettere in mostra tutto il suo talento, fresco giocatore più giovane di sempre a mettere a referto una tripla doppia.

Ovest

Chris Paul e James Harden

Ad Ovest tutto sembra più delineato. La finale, a meno di clamorosi ribaltoni, dovrebbe vedere gli Houston Rockets affrontare i campioni in carica, i Golden State Warriors. Anche se, potremmo dire, di aver già assistito ad un turno preliminare, quello tra Denver e Minnesota, due franchigie arrivate all’ultima fatica con lo stesso record, ed un calendario che ci ha riservato lo scontro diretto decisivo per la qualificazione ai playoff. Esito: vittoria TWolves che sfruttano il fattore campo, all’overtime, e volano a Houston per il primo turno contro i Rockets. Le altre due serie sono all’insegna dell’equilibrio, i tre violini di Oklahoma, guidati da Westbrook, primo giocatore della storia a concludere due stagioni in tripla doppia di media, contro la splendida organizzazione di Utah e la sorpresa dell’anno, Donovan Mitchell. Dall’altra parte il duo di piccoli, Lillard-McCollum affronterà i Pelicans, orfani di Cousins ma con un Mirotic in splendida forma.

Non resta che goderci lo spettacolo, i playoff NBA finalmente hanno inizio!