Marc Márquez in quel di Motegi ha conquistato il suo settimo titolo mondiale, il quinto nella classe regina. È riuscito a vincere 5 degli ultimi 6 campionati, con la sola eccezione del celeberrimo 2015, dove è stato comunque un grande protagonista per via dell’accesissima rivalità con Valentino Rossi.

Abbiamo cercato di capire cos’abbia di speciale il 93 spagnolo, e quali siano i suoi punti di forza:
ecco i 5 motivi per cui Marc Márquez è destinato a diventare il pilota più vincente di sempre.

Talento: poche chiacchiere, Márquez è il più forte. Lo dimostra da ormai 5 anni, su tutte le piste e in tutte le sessioni. È sempre nelle posizioni di testa, ed è sempre l’uomo da battere. Di talenti così ne nasce davvero uno ogni 20 anni, siamo di fronte alla massima espressione del motociclismo moderno.

Costanza: riesce sempre a fare la differenza e a limitare i danni anche nei circuiti dove la sua Honda non ha performance. Vince dove deve vincere e termina nelle prime posizioni quando è in difficoltà. Questa è un’enorme differenza rispetto ai suoi avversari, che sovente perdono tanti punti e tante occasioni nelle giornate no.

Maturità: il Márquez di oggi è sorprendentemente cambiato rispetto al Márquez di qualche stagione fa. È più intelligente, più cauto, ragiona con la testa laddove negli anni passati avrebbe buttato il cuore oltre l’ostacolo. Ha imparato dai suoi errori e messo da parte impulsività e negligenza. Non è una cosa da tutti, soprattutto per tipi istintivi come lui.

Reattività: rispetto ai suoi colleghi, l’approccio dello spagnolo davanti alle difficoltà è estremamente più scaltro e reattivo. Il suo istinto gli permette di evitare tante cadute e ripartire subito anche in caso in cui i suoi salvataggi miracolosi non vadano a buon fine. In questa maniera ha spesso conquistato uno o due punti quando gli altri non sarebbero nemmeno ripartiti. Inoltre, riesce a reagire benissimo ai cambiamenti delle condizioni in pista, azzeccando sempre il momento giusto per cambiare moto.

Età: le qualità sopracitate sono ancora più scioccanti se andiamo a leggere la sua carta d’identità. Márquez ha solo 25 anni e ha già raggiunto dei numeri a dir poco clamorosi: 7 titoli, 69 vittorie, 79 pole position e 115 podi. La sua carriera è ancora lunga e può sgretolare ogni tipo di record. La vera domanda è: può ancora migliorare? E dove può migliorare?

Marc Márquez sta monopolizzando il palcoscenico del Motomondiale e non si ferma più. Con 5 titoli MotoGP conquistati negli ultimi 6 anni e 5 grandi qualità nel suo bagaglio tecnico-psicologico, lo spagnolo ha indubbiamente tutte le carte in regola per riscrivere tutti i numeri di questo sport.