Quest’anno ad esser premiato agli Oscar come miglior documentario è stato “Free Solo”, un documentario che ci mostrerà l’incredibile impresa di Alex Honnold. L’arrampicatore americano riuscì nel 2017 a scalare, da solo e senza protezioni, El Capitan, uno dei massicci più alti dello Yosemite Park.

free solo

Free Solo

Free Solo, il film diretto da Jimmy Chin e Elizabeth Chai Vasarhelyi, racconta le imprese dello spericolato free climber Alex Honnold, e in particolare la sua leggendaria scalata in solitaria e senza alcuna corda di assicurazione dei mille metri della la parete del El Capitan, la montagna situata nel Parco nazionale di Yosemite, avvenuta il 3 giugno del 2017. La pellicola dedica uno spazio molto speciale anche alla preparazione che Hannold dovette affrontare per prepararsi all’epica sfida, mostrando anche il lato umano della storia.

free soloUna sfida all’uomo

El Capitan è uno dei massicci granitici più noti in assoluto e da sempre la sua scalata rappresenta uno dei trofei più ambiti in assoluto per gli alpinisti estremi nel mondo. La roccia venne scoperta nel 185, ma si dovranno attendere quasi 100 anni prima di vedere un esploratore “conquistarla”. Tutt’oggi sono pochissimi quelli che possono fregiarsi di quest’impresa.

free solo

Hannold, in particolare, è il primo a compiere la scalata in Free Solo, una tecnica che non prevede alcun tipo di equipaggiamento e che spoglia l’alpinista di qualsiasi protezione dagli imprevisti della montagna. Le difficoltà di questa tecnica si sono poi unite a quelle oggettive di ripresa, rendendo il film un vero e proprio inno alla fatica e alla determinazione. L’intenzione dei due registi, entrambi appassionati di arrampicata, era infatti quella di non incidere in alcuna maniera sulla natura dell’impresa, adeguandosi alle volontà di Hannold, non per questo stando più sicuri.

Il film della natura estrema

La pellicola mette in mostra una delle più affascinanti e pericolose imprese degli ultimi anni, senza aver paura di vederla fallire e, per questo, dando il via ad un nuovo modo di fare documentari. Le riprese sono in diretta, ciò aiuta ad immedesimarsi ancora di più nei vari membri della troupe, incerti fino all’ultimo giorno sulla riuscita dell’impresa.

Se siete alla ricerca di uno stimolo per la prossima avventura, questo è senza alcuna ombra di dubbio il film che fa per voi. Lo trovate nelle migliori sale e martedì 2 aprile alle 20.55 su National Geographic Channel.