Marquez torna a vincere

Nel Gran Premio di Jerez di MotoGP Marc Marquez si è ripreso la leadership del campionato con una prova di forza eccezionale. Si è liberato fin da subito delle due Yamaha di Morbidelli e Quartararo che lo avevano preceduto nelle qualifiche di sabato, e ha incrementato il suo vantaggio giro dopo giro. Benissimo anche Alex Rins, secondo sia in gara che in classifica, separato di un solo punto dal suo connazionale. Il 42 della Suzuki è uno dei piloti più in palla al momento, assoluto protagonista di queste prime manche stagionali. Limitano i danni sia le Ducati, 4° e 5° in rimonta, sia Valentino Rossi, che chiude in 6° posizione un fine settimana tutt’altro che facile.

L’exploit del Team Petronas

A rubare la scena in questo Gran Premio sono state indubbiamente le due Yamaha del team Petronas SIC, guidate da Fabio Quartararo e Franco Morbidelli. L’italo-brasiliano ha conquistato la seconda posizione in qualifica, sopravanzato per pochissimo solamente dal proprio compagno di squadra. Nelle prime fasi di gara è rimasto incollato a Marquez, salvo poi crollare e dover cedere svariate posizioni. Nel complesso però ha chiuso una gara solida, confermando quanto di buono aveva già fatto ad Austin. Morbidelli ha fatto uno step in avanti non indifferente rispetto alla stagione passata, sintomo che il matrimonio con Yamaha abbia reso i suoi frutti (come pronosticato da tanti addetti ai lavori).

Il mezzo miracolo di Fabio Quartararo

Fabio Quartararo è entrato nella storia. Con la Pole Position di sabato è diventato il pilota più giovane di sempre a conquistarne una, battendo proprio il record di Marc Marquez, sgretolato nel 2013. Un weekend da sogno che si è tramutato in un incubo a metà gara quando il francese, stabilmente in seconda posizione, è stato costretto al ritiro a causa della rottura della leva del cambio. Lacrime agrodolci per Quartararo, che ha dimostrato però di essere un pilota di altissimo livello, di prospettiva e con tanti margini di miglioramento. La carta d’identità e il talento sono armi dalla sua parte, e se il buongiorno si vede dal mattino il suo futuro è più che florido. Vedremo se riuscirà a rimanere costante e se confermerà le aspettative createsi dopo queste prove.