Vergne fa il bis

Prima o poi doveva succedere. Dopo otto vincitori in otto gare diverse, Jean-Éric Vergne ha fatto il bis, conquistando i 25 punti per la seconda volta in stagione. La prima era avvenuta a Sanya, e ai tempi parlavamo di una Techeetah in difficoltà con entrambi i piloti. Un mese e mezzo dopo la situazione si è completamente ribaltata. Il team di DS ora ha 37 punti di vantaggio rispetto a Virgin, sua prima diretta concorrente. La costanza di Lotterer e la forza di Vergne sono state finora le armi in più. I due sono anche in testa alla classifica piloti, con il francese che ha messo il muso davanti di un solo punto. A 4 gare dal temine, Vergne e Lotterer rischiano davvero di poter fare una grossa selezione rispetto a tutti gli altri. Questo finale di stagione potrebbe dunque prendere una piega del tutto simile a quella passata. Il tedesco a Monaco è apparso più appannato del solito, ma è pronto a dare battaglia al suo compagno nelle ultime manche di campionato.

Prima gioia per Massa, Bird in crisi nera

Monaco ha regalato la prima gioia in Formula E a Felipe Massa. Il brasiliano ex F1 ha ottenuto il primo podio nella categoria elettrica, approfittando di un errore di Wehrlein in curva 1. Il tedesco aveva il podio a portata di mano, oltre ad un ottimo passo gara. Non è un caso infatti che abbia fatto segnare il giro veloce in gara. Solida prestazione anche per Oliver Rowland che ha chiuso al secondo posto e che continua la caccia alla prima vittoria in Formula E. Nelle retrovie, è alquanto peculiare il duello tra Bird e Da Costa, due figure chiave della prima parte di stagione, che adesso faticano e non poco a tenere i ritmi dei loro avversari. L’inglese è addirittura arrivato al quarto 0 consecutivo.

Frijns può ancora sperare

Rimane aggrappato ai due piloti DS Techeetah Robin Frijns. Nonostante il brutto errore che ha compromesso la sua gara, l’olandese di Virgin è distaccato di soli 6 punti da Jean-Éric Vergne. Agevolato anche dalle tante penalità attribuite nelle ultime ore, dovrà però ritrovare il bandolo della matassa il più presto possibile, perché gli EPrix mancanti sono pochi e l’esperienza del duo di Techeetah potrebbe fare la differenza.