Milinkovic-Savic : il nuovo “Sergejnte” della Lazio

Agosto 2015. La Lazio acquista dal Genk un centrocampista serbo, nato in Spagna, all’anagrafe Sergej Milinkovic-Savic. Viene accolto dallo scetticismo generale, considerando ironicamente, che il suo cognome è più lungo del suo Palmarès. La stessa anagrafe però, è dalla sua parte, perchè alla voce “anno di nascita” risponde 1995. C’è tempo.
Milinkovic-Savic

La prima Serie A

Il tempo di cui stiamo parlando è parallelo alla prima stagione biancoceleste. E’ una Lazio spenta, innocua, giovane e con tanti problemi nello Staff. Terminerà all’8° posto, con Simone Inzaghi che sostituisce Stefano Pioli nel corso della stagione. Sergej non è nemmeno titolare, gioca qualche partita, impreziosite da un gol e un assist. E’ acerbo, ma nonostante ciò si ha già l’idea di essere di fronte ad un diamante grezzo, su cui dover lavorare e non poco.

Il Boom 2016/17

Il cambio di allenatore è come nuova linfa per il serbo, che trova in Inzaghi una figura fondamentale per lo sviluppo e la crescita del suo gioco. Che sia 4-3-3 con Parolo e Biglia o 3-5-2, Milinkovic inizia a fare la differenza. Nella stagione successiva quindi, Sergej è il vero e proprio Crack dei biancocelesti, mettendo all’attivo 34 presenze, 4 marcature e 9 assist. La Lazio, grazie a lui, Ciro Immobile e Keita riesce ad entrare in Europa League, chiudendo ad un solido 5° posto.
Milinkovic-Savic

E Adesso?

All’inizio della stagione 2017/18, Milinkovic-Savic ha già contribuito a conquistare la Supercoppa Italiana ai danni della Juve, e segnato il gol vittoria contro il Chievo. Non è un caso infatti, che tanti allenatori (e Fantallenatori) abbiano messo gli occhi su di lui. Juventus, Inter e Real Madrid sembrano molto interessate, ma per la Lazio è incedibile. Pagato 9 Milioni dai biancocelesti, ora ne vale almeno il triplo.
Sembra dunque essere nato un nuovo grande giocatore, che ha un cognome tanto buffo quanto lungo (sulla maglia è riportato il suo nome). Un cognome che, se queste sono le premesse, ha tutte le carte in regola per entrare nella storia di questo Sport.
Siamo anche su Facebook, seguici!